Fineco rivede i tassi dei mutui casa

Un mutuo ipotecario può venire richiesto e, di conseguenza, utilizzato per le ragioni più disparate: ci sono coloro a cui serve per l’acquisto di un immobile o coloro che vogliono dare il La ad una nuova attività; coloro che hanno necessità di ottenere la surroga o il rifinanziamento di un mutuo precedente e, più semplicemente, coloro che puntano ad avere liquidità aggiuntiva per migliorare la propria condizione di vita. Ovviamente prima di richiedere un mutuo è però fondamentale conoscere alla perfezione tutto ciò che lo riguarda, in modo da non incappare in brutte sorprese: costi previsti, procedure richieste, tassi ecc. Per questo oggi analizzeremo nel dettaglio tutti quello che c’è da sapere sui mutui casa Fineco, azienda leader del settore che offre interessanti soluzioni personalizzate, all’insegna di una particolare ripartizione del tasso di interesse: una specie di mix tra fisso e variabile, che permette di cambiare tra una modalità e l’altra, gratuitamente, dopo i primi 12 mesi.

Come richiedere un mutuo Fineco

Iniziamo dai fondamentali, ovvero ciò che serve per potere effettivamente richiedere un mutuo con Fineco Bank, utilizzando i canali di internet banking (qualora si sia titolari di un conto corrente online) oppure contattando il servizio clienti. Ebbene, la documentazione necessaria è composta semplicemente da un qualsiasi documento di identità valido (patente, passaporto, carta di identità), dal proprio codice fiscale, da un certificato di reddito e da eventuali atti preliminari o compromessi di compravendita. L’attesa massima per la lavorazione della propria pratica è teoricamente di sessanta giorni, ma la media Fineco si aggira attorno a qualche settimana: a ciò si aggiunga che nel periodo di attesa si riceverà comunque l’assistenza di uno specialista dedicato, un Personal Financial Advisor che guiderà il cliente in ogni fase del mutuo.

Mutuo ipotecario

Fineco consente di richiedere mutui ipotecari sia a tasso fisso che a tasso variabile, con circa 700 euro di costi per l’istruttoria della pratica, circa 300 euro di costi per la perizia tecnica ed una commissione dello 0.20% relativa all’imposta sostitutiva. Il rimborso può venire effettuato da un minimo di 10 ad un massimo di 30 anni, con la possibilità di finanziare fino all’80% del valore dell’immobile che si intende acquistare. A ciò si aggiunga che, come accennato in precedenza, tutte le operazioni possono venire comodamente effettuate online, attraverso l’area riservata del sito Fineco e attraverso comode app per smartphone e tablet: sono scaricabili gratis sia su Google Play Store che su iTunes App Store e sono compatibili con la stragrande maggioranza dei dispositivi presenti sul mercato.

Che cos’è il Mutuo Remix di Fineco Bank

Il Mutuo Remix è uno strumento particolarmente flessibile pensato da Fineco Bank per tutti i clienti interessati a nuove soluzioni. Nel dettaglio, Mutuo Remix è un mutuo ipotecario a tasso misto, che quindi permette al cliente di stabilire una rata mensile e poi di gestire i diversi tipi di tasso di interesse in base alle proprie esigenze: questo vuol dire, ad esempio, iniziare con un mutuo a tasso variabile e poi passare ad un mutuo a tasso fisso. Ogni tipo di “switch” da una tipologia di tasso all’altra è disponibile dopo i primi 12 mesi ed è del tutto gratuito. Con Mutuo Remix è inoltre possibile optare per una vera e propria ripartizione del tasso di interesse, ovvero individuare una percentuale per il tasso fisso (ad esempio il 30%) ed una per il tasso variabile (nel nostro caso, ovviamente, il restante 70%). Anche questo tipo particolare di configurazione può venire modificato una volta passato il dodicesimo mese di rimborso ed anche questa modifica può venire effettuata senza pagare né alcuna commissione né alcun costo aggiuntivo.